MENU

The Wave - palestra dell'università NTU, Singapore | Repubblica di Singapore

Fatti

Progetto
La struttura portante ad arco
più grande d'Asia con una luce
di 72 m in legno lamellare,
elementi binderholz X-LAM BBS
e pannelli di legno massiccio
Località
Singapore, Repubblica di Singapore
Anno di realizzazione 2016
Committente

Università tecnologica Nanyang
Architettura
Toyo Ito & Associates
Impresa edile

Struts Building Technology
Progettazione della struttura portante
T.Y. Lin International Group
Consulenza tecnica per la
statica
Ermanno Acler - Holzpak Engineering

Gli architetti Toyo Ito & Associates sono stati incaricati dall'Università tecnologica Nanyang a realizzare una nuova palestra: la più grande struttura edile d'Asia con legno lamellare ed elementi X-LAM, rivestita con pannelli di legno massiccio a 3 strati. In Asia, la tendenza a costruire strutture in legno di vaste dimensioni è appena cominciata. L'edilizia ecologica gioca qui un ruolo sempre più importante, soprattutto nel settore degli edifici pubblici.


Informazioni sulla palestra

Si tratta di una palestra non climatizzata, con un'area di gioco di 9800 m². Il raffrescamento funziona grazie a un design ottimale del padiglione e a un sofisticato sistema di ventilazione che riesce a funzionare efficacemente senza i classici registri di raffreddamento. Questo sistema permette di risparmiare enormemente nel raffreddamento in termini di spesa, durante la fruizione della palestra. Gli spalti dispongono di 1000 posti destinati agli appassionati di sport. Il pavimento offre spazio per 1 area per il football, 3 per il basket o anche 13 per il volano; ciascuno studente troverà quindi lo spazio giusto.







Legno e know-how austriaci

Il gruppo Binderholz ha realizzato gli elementi utilizzando il legno austriaco e li ha poi spediti a Singapore in cooperazione con il partner Holzpak Pte Ltd., mettendo in campo il necessario know-how. Avendo già gli elementi una forma perfetta, è stato possibile completare il tetto a tempo di record. In tre settimane, con soli 14 operai. Se fosse stato costruito con altri materiali, sarebbe stato necessario impiegare 30 operai e completare i lavori in due-tre mesi.

Informazioni tecniche

La palestra NTU è stata progettata con una struttura portante ad arco su 3 punti. Per una luce di dimensioni così ampie è importante scegliere un sistema che consenta un facile spostamento della superficie e delle giunture laterali senza per questo sollecitare ulteriormente i componenti in legno. Il tetto di 72 m è costituito da sette archi in legno. Questi archi sono sostenuti da telai in acciaio a forma di A posizionati in verticale e progettati appositamente per ridurre al minimo lo spostamento laterale delle giunture. È stato altresì necessario ridurre lo spostamento laterale delle superfici dei telai in acciaio per limitare al minimo la deformazione del tetto.

Rendering in 3D della struttura portante ad arco su 3 punti
Rendering in 3D del punto nodale con giuntura in acciaio

Concetto statico

Per motivi logistici, ciascuna delle due metà di arco è stata suddivisa in tre singole parti, dapprima tenute insieme tramite un collegamento temporaneo. Tale collegamento si ottiene combinando viti a filettatura piena e piastre di acciaio su misura. In questo modo è stato possibile conseguire una rigidità elevata e ripristinare il comportamento strutturale delle due metà di arco. Il tetto bombato è stato stabilizzato a livello mediante uno strato rigido costituito da pannelli di legno stratificati in senso incrociato. Gli elementi binderholz X-LAM BBS presentano uno spessore di 60 mm e sono stati curvati sul legno lamellare al fine di assicurare un adattamento ottimale alla bombatura del tetto.

Grazie a questa ottima soluzione è stato possibile ottenere un rapporto di rigidità unitario dell'intero tetto e allo stesso tempo accelerare la costruzione in fase di installazione del tetto. Considerando il rapporto tra spessore e peso, il legno può sostenere un peso notevolmente maggiore rispetto al calcestruzzo o all'acciaio. Quindi, per supportare i sette archi di legno con un peso complessivo di 440 tonnellate non si rende necessario utilizzare colonne o travi all'interno.

I vantaggi del legno nelle costruzioni di ampie dimensioni

Ai vantaggi di natura costruttiva se ne aggiungono tanti altri: il legno è un prodotto che presenta un'elevata resistenza ignifuga. Invece di bruciare, si limita a carbonizzare con una velocità di 0,75 mm al minuto. Quindi, grazie a uno strato tampone di 50 mm, il legno consente le operazioni di evacuazione entro un'ora. Lo strato carbonizzato funge anche da materiale isolante, permettendo così all'anima interna di rimanere protetta dal calore. Questa caratteristica è stata ulteriormente rafforzata mediante un impianto sprinkler per estinguere singoli componenti nelle aree a rischio. Inoltre, il legno è anche resistente all'umidità e alle termiti, per cui non è necessario ricorrere ad alcun sistema speciale di conservazione. Questo viene verificato tramite controlli che si ripetono ogni anno. Di tutto ciò ne risente positivamente anche l'ambiente, poiché il legno deriva esclusivamente da una gestione forestale sostenibile: per ogni albero abbattuto ne viene piantato uno nuovo.

Foto: © Holzpack, binderholz

The Wave, palestra dell'università NTU, Singapore, Repubblica di Singapore | Grünes Zentrum, Holzkirchen, Germania | Scuola media Montessori, Kösching, Germania | Assistenza all'infanzia, Kösching, Germania | Casa di riposo, Fügen, Austria | Scuola dell'infanzia Kranebitten, Innsbruck, Austria | Gestione forestale, Baden-Baden, Germania | bilding, Innsbruck, Austria | Scuola, Vigarano Mainarda, Italia | Scientia Academy, Staffordshire, Gran Bretagna | Vigili del fuoco, Iffeldorf, Germania | Centro per l'infanzia St. Martin, Buxheim, Germania | Furness Academy, Cumbria, Gran Bretagna | Polo scolastico di Corporeno di Cento, Ferrara, Italia | Preston Manor scuola, London, Gran Bretagna | Strand East Tower, London, Gran Bretagna | Casa di riposo, Imst, Austria | Centre Pompidou, Metz, Francia | Asilo "Haus der Kinder", Innsbruck, Austria | Museo della fotografia, Charleroi, Belgio | Asilo infantile Adsea, Nantes, Francia